• Sei in:
  • Home
  • D108 VetEccellenza

Scienze Veterinarie, Dipartimento di Eccellenza per il quinquennio 2018-2022

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) ha reso noto l'elenco dei 180 Dipartimenti che sono risultati assegnatari del Fondo di finanziamento quinquennale (2018-2022) dei Dipartimenti di Eccellenza degli Atenei Italiani per rafforzare e valorizzare l'eccellenza della ricerca, con investimenti in capitale umano, infrastrutture e attività didattiche di alta qualificazione.
Il Dipartimento di Scienze Veterinarie figura fra i 10 Dipartimenti dell'Ateneo torinese ad aver superato la selezione. Il risultato, conseguito anche dal Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali ed Alimentari, colloca nel suo insieme il Polo AGROVET di Grugliasco, in posizione di assoluta preminenza nel quadro della ricerca universitaria nazionale.
 

Il progetto: "Uso consapevole del farmaco in Medicina Veterinaria"

L'uso non corretto o l'abuso di farmaci determina effetti a medio e lungo termine, con possibili esiti negativi sulla salute umana. La punta dell'iceberg è rappresentata dalla antibiotico-resistenza: la capacità dei microrganismi di elaborare e trasmettere caratteri genetici di resistenza verso un determinato principio attivo. Tale effetto si genera in tempi molto rapidi e lo sviluppo di nuovi farmaci non può essere l'unica soluzione per combattere il fenomeno.
Tra le cause dell'antibiotico-resistenza vi è l'utilizzo non corretto di farmaci negli animali d'affezione e in quelli destinati all'alimentazione umana. Entrambe le categorie sono esposte a quantità di farmaci più che doppie, rispetto al consumo nell'uomo e costituiscono una riserva importante di geni associati a farmaco-resistenza.
Un fenomeno così complesso e multifattoriale, richiede un approccio multidisciplinare che il Dipartimento di Scienze Veterinarie focalizzerà su tre aspetti:

  • studio dei fattori (sociali e comportamentali) associati all'uso del farmaco e alla farmaco-resistenza;
  • miglioramento dei sistemi di monitoraggio dell'uso del farmaco;
  • applicazione di approcci multidisciplinari, attraverso il concetto One-Health, per lo studio e la soluzione del fenomeno, attraverso l' uso razionale, la riduzione e la sostituzione del farmaco.

Per approfondimenti

 

Ulteriori informazioni:

Comunicato stampa di UniTO 

Articolo su UniTo News del 11/01/2018

Articolo su UniTo News del 18/01/2018

 

 

Ultimo aggiornamento: 19/01/2018 15:07
Campusnet Unito
Non cliccare qui!